Leslie Smith

Heartache (Elektra 1982)

smith82.JPG (58340 byte)               smith82.1.jpg (5832 byte)
American cover                                  Japanese cover

     Il primo lavoro solista di Leslie Smith viene prodotto da Peter Bunetta e Rick Chudacoff, già suoi compagni nei Crackin', e si avvale della collaborazione di altri componenti del gruppo come Brian Ray e Arno Lucas. Il sound è però più pacato rispetto a quello proposto dalla band nei loro album degli anni '70. Il funky è quasi scomparso e l'intero disco è dominato da un raffinato pop-soul. Tra i brani troviamo la cover di "Nothin' you can do about it" degli Airplay e "Love's a heartache" di Ned Doheny che esce contemporaneamente anche nell'album "Cupid's in fashion" dell'Average White Band. Da segnalare anche la versione originale di "It's something" di Brenda Russell che l'autrice inserirà l'anno successivo nel suo "Two Eyes". Le rimanenti canzoni si mantengono sempre su un buon livello qualitativo e rendono consigliabile l'ascolto di questo bel lavoro purtroppo mai stampato in cd.

Producers: Peter Bunetta and Rick Chudacoff

Musicians:
Drums: Peter Bunetta
Guitars: Brian Ray, Dennis Herring, Ned Doheny
Bass: Rick Chudacoff
Piano: Bill Elliot
Keyboards: Bill Elliot, Rick Chudacoff
Synthesizers: Bill Elliot, Rick Chudacoff
Percussion: Peter Bunetta, Joe Lala, Arno Lucas
Harmonica: Norton Buffalo
Horns: Jerry Peterson, David Woodford, Gary Grant, Rick Baptists, Lee Thornburg
Background Vocals: Leslie Smith, Arnold McCuller, Arno Lucas, Kal David, Merry Clayton

Tracks:
   
1. It's something
    2. I'm on the outside looking in
    3. Before the night is over (mp3)
    4. Don't shut the door (on my love)
    5. Dream on (mp3)
    6. Nothin' you can do about it
    7. Love's a heartache
    8. Do you still remember me
    9. If you're in love