Michael Johnson

The Michael Johnson Album (EMI America 1978)

johnson78.jpg (10153 byte)

     Dopo tre album di chiara ispirazione folk, Michael Johnson nel 1978 pubblica questo lavoro che sancisce un netto cambiamento di genere musicale. Il disco risente tantissimo dell'influenza del pop californiano e questo lo si può notare immediatamente dai primi tre brani dell'album. "Sailing without a sail" e "Dancin' tonight" sono infatti due composizioni che Bill LaBounty scrive appositamente per questo lavoro (la seconda insieme allo stesso Johnson) e che poi inserirà l'anno successivo nel suo "Rain in my life", mentre "Foolish" é una bella ballata di Tom Snow in perfetto stile westcoastiano. Nel disco é presente anche un altro pezzo di LaBounty, "25 words or less", che esce in contemporanea anche nella versione del suo autore in "This Night Won't Last Forever"(78). Ma il brano che riscuote il maggior successo del disco é "Bluer than blue" firmata da Randy Goodrum che, pubblicato come singolo, ottiene un notevole riscontro di vendite. Sono presenti anche alcuni titoli come "Two in love" e "Ridin' in the sky" che richiamano il folk degli esordi di Johnson, più una buona cover come "Gypsy Woman", vecchio pezzo degli Impressions di Curtis Mayfield.
     Nel complesso un buon disco, dalle atmosfere soft e melodiche, ben suonato e ben interpretato dalla calda voce del nostro artista.

Producers: Steve Gibson and Brent Maher

Musicians:
Drums: Kenny Malone
Guitars: Steve Gibson, Jon Goin, Michael Johnson
Bass: Mike Leech, Jack Williams, Norbert Putman
Keyboards: Shane Keister
Piano: Shane Keister, Bill LaBounty
Organ: Bobby Ogdin
Sax: Buddy Skipper, Roger Williams
Horns: Buddy Skipper, Don Sheffield, Roger Bissell
Percussion: Farrell Morris
Background Vocals: Sheri Kramer, Lisa Silver, Diane Tidwell

Tracks:
   
1. Sailing without a sail
    2. Foolish
    3. Dancin' tonight
    4. Two in love
    5. Ridin' in the sky
    6. Bluer than blue
    7. Almost like being in love
    8. 25 words or less
    9. Gypsy woman
   10. When you come home