Richard Kerr

     Pianista e compositore, Richard Kerr ha firmato nel corso degli ultimi 30 anni innumerevoli successi di musica pop. I suoi brani sono stati incisi da Frank Sinatra, Johnny Mathis, Yvonne Elliman, Jennifer Warnes e Glen Campbell ma Ú stato soprattutto Barry Manilow ad ottenere fortuna con canzoni dell'artista come "Mandy", "Looks like we made it" e "Somewhere in the night". Kerr scrive "Mandy" nel 1971 con il titolo di "Brandy" che ottiene un tiepido successo in Inghiterra cantata dal suo co-autore Scott English. E' per˛ la versione di Manilow contenuta nel suo secondo album a divenire nel 1975 il numero uno in tutte le classifiche internazionali. Kerr, che ha giÓ inciso uno sconosciuto album solista nel 1973 ed un lavoro promozionale nel 1974, cerca di sfruttare la situazione e pubblica nel 1976 un album a proprio nome contenente una buona versione di "Mandy" ed una ancor migliore "Somewhere in the night", che l'anno precedente aveva avuto ben tre interpretazioni da parte di Helen Reddy, Kim Carnes e Yvonne Elliman. Non tutte le altre composizioni sono invece riuscite alla perfezione ma risultano ugualmente gradevoli, con alcune punte di notevole bellezza in "More than that" e "Best for last". Nel 1978 l'artista si ripresenta come interprete con l'album "Welcome to the Club" pubblicato per la A&M che risulta molto discontinuo, alternando alcuni buoni brani a pezzi deludenti. La parte iniziale dell'album Ú sicuramente la migliore e tra le canzoni troviamo "I know I'll never love this way again" che diventa un grande successo l'anno successivo nella versione di Dionne Warwick. Nel 1980 Kerr mette in circolazione un doppio album promozionale contenente una lunga lista di sue composizioni, alcune giÓ note ma tante altre inedite. Ricompare un'ultima volta nel 1982 con un lavoro pubblicato solo in Inghilterra Il disco parte subito bene con la bella "Free", originale e ben arrangiata, ma si tratta solo di un fuoco di paglia che illude l'ascoltatore perchŔ tra i pezzi rimanenti c'Ŕ ben poco da ricordare.

Discografia

From Now Until Then (Warner Bros. 1973)
Reflections Of Richard Kerr (Rondor 1974)
Richard Kerr (Epic 1976)
Welcome to the Club (A&M 1978)
Songwriter (Arista 1980) 2LP
No Looking Back (A&M1982)