Spellbound

Spellbound (EMI 1978)

spellbound.JPG (8388 byte)

     Sconosciuto gruppo californiano formato da alcuni session men provenienti da varie esperienze. Tra questi troviamo Barry Flast che ha suonato con i Poco, Bill Burgess con i Rowans e soprattutto James Preston, batterista e vocalist dei Sons of Champlin nei loro ultimi quattro albums. Gli Spellbound pubblicano un solo lavoro con un sound a cavallo tra southern rock, country rock e qualche tentazione pop, come nell'iniziale "Just not a fool". Un disco interessante, suonato e cantato egregiamente e ricco di belle armonie vocali, che piacerÓ a chi ama i Poco, i Manassas di Stephen Stills ma anche band come i Cate Brothers, sempre impegnate a miscelare sapientemente pop e southern rock.

Spellbound: Bill Burgess, David Lenchner, Ralph Carter, Barry Flast, James Preston

Producers: Bill Halverson

Musicians:
Drums: James Preston
Bass: Ralph Carter
Guitars: Bill Burgess
Keyboards: Barry Flast
Synthesizer: David Lenchner
Percussion: James Preston
Lead Vocal: Barry Flast
Background Vocals: Kim Carnes, Ralph Carter, Norman Fish, Humming Diks, James Preston

Tracks:
  
1. Just not a fool
   2. Our time will come
   3. The eyes of Mary
   4. Let it down easy (shine it on)
   5. Raise that silver
   6. Rumor at the honky tonk
   7. A taste of the devil
   8. The way that you do
   9. The best is yet to come
  10. The light that shines