Bill LaBounty

     Cantautore e tastierista, Bill LaBounty inizia la sua avventura musicale all'interno dei Fat Change, gruppo soft-rock di cui fa parte anche Steve Eaton, altro nome di spicco della musica west coast. Con la band pubblica un solo album nel 1972 per poi dedicarsi alla carriera solista nel 1975 con un primo album prodotto da Jay Senter. Il lavoro, malgrado i suoi buoni contenuti, vende pochissimo e la casa discografica scarica l'artista. LaBounty rimane in disparte per circa tre anni quando nel 1978 riesce a firmare un contratto con la Warner per la pubblicazione di un nuovo album. Il produttore é sempre Jay Senter che, convinto della loro bontà, va a ripescare ben quattro brani del primo disco che, riarrangiati ottimanente, vanno a formare, insieme a sei inediti, la scaletta del nuovo album. "This Night Won't Last Forever", questo é il titolo, non é un album perfetto ma contiene dei pezzi di grande bellezza come la title-track, "Open Your Eyes", "Lie To Me", "Who's Gonna Hold You" e "I Hope You'll Be Very Unhappy Without Me". L'anno successivo esce "Rain In My Life" ed anche qui trovano posto dei grandi classici come "Dancin' Tonight", "Trail To Your Heart" e "What About You" ma le vendite continuano ad essere scarse. L'artista si prende altri tre anni di pausa e in questo periodo sono tanti i nomi che si accorgono del valore delle composizioni di LaBounty, interpretandole nei loro album, artisti come Randy Crawford, Michael Johnson, Tavares, Lani Hall, Ester Phillips e Frankie Valli. Nel 1980 e 1981 LaBounty partecipa come autore e vocalist ai due ottimi lavori di Robbie Dupree ed anche ad "Hot Spot" di Steve Goodman per poi, nel 1982, pubblicare il suo capolavoro. Un album omonimo con il suo viso in copertina, un disco che è diventato un simbolo per gli amanti del pop californiano. Con la produzione di Russ Titelman e la presenza dei migliori session men in circolazione, nasce un lavoro contenente dieci brani uno più bello dell'altro, a partire dall'iniziale "Livin' It Up", che esce come singolo, fino ad arrivare a "Secrets" che chiude l'album. Anche in questo caso le vendite sono deludenti e LaBounty lascia perdere l'attività di interprete per dedicarsi esclusivamente a quella di compositore. Le canzoni che nascono per tutti i rimanenti anni '80, interpretate sia artisti country che AOR, sono però deludenti e non si avvicinano minimamente alla qualità dei vecchi brani. Finalmente nel 1991 esce un nuovo album, prodotto dall'artista stesso insieme con l'amico Robbie Dupree, un lavoro non pienamente soddisfacente ma che contiene due assolute perle come "The Right Direction" e "Mr. O". Poi un'altra lunghissima pausa, fino al 2009, anno di pubblicazione di "Back To Your Star", contenente le eccellenti "California Turnaround" e "Dianne". Ultimo capitolo della discografia é "Into Something Blue" che ci propone un sound pù orientato alla musica nera, al soul e rhythm 'n' blues.

Discografia

Promised Love (20th Century 1975)
This Night Won't Last Forever (W.B./Curb 1978)
Rain in My Life (W.B./Curb 1979)
Bill LaBounty  (W.B./Curb 1982)
The Right Direction (La Califusa 1991)
Back To Your Star (Chill Pill 2009)
Into Something Blue (First And Main 2014)